Power Stretching
  • Classes
  • Power Stretching

Power Stretching

220 kcal bruciate
50

Minuti

Livello Normale
Limite di participanti
20
Trainer

Può essere eseguito in due modi: uno più fitness ed uno più sportivo agonistico.

E’ un mix tra yoga e stretching, facile da proporre in tutte le forme, come lezione a se stante o ad integrazione di altre attività del fitness come step, aerobica ecc.
Prevede una fase di riscaldamento, una fase di maggiore intensità, una fase alfatonica e una di defaticamento.
E’ un programma di allenamento basato su una serie di posizioni, con cui si tendono ed allungano muscoli e strutture connettivali, per riposizionare i segmenti che costituiscono il corpo umano.

La flessibilità è una qualità muscolare allenabile e migliorabile.
Il corpo diventa “rigido” in quanto evita di essere portato in range particolari sui quali non riesce ad esercitare controllo. Dunque, il segreto per sviluppare e ottenere un grado di flessibilità d’eccellenza è quello di insegnare al corpo, un poco alla volta, come applicare e esercitare la forza in archi di movimento sempre maggiori.
È importante ricordare che qualsiasi sistema di stretching si stia attuando, la respirazione deve essere normale e tranquilla non bisogna mai trattenere il respiro durante un esercizio di allungamento. Lo scopo di una corretta respirazione è importante perché una buona ossigenazione attenua lo stato di tensione dell’atleta fino a portarlo ad uno stato di equilibrio delle sue funzioni fisiologiche e quindi anche del tono muscolare.

Fase 1: sviluppo di una base di forza e di resistenza muscolare su range specifici tramite esercizi dinamici di forza con basso carico e alte ripetizioni. Si rinforzano le fibre muscolari in allungamento e nello stesso tempo si allunga la componente connettivale del muscolo.

Fase 2: sviluppo di forza isometrica ed intervento sui riflessi di tensione muscolare. Si sviluppano esercizi PNF isometrico e tenute statiche in isometria. L’obiettivo è di rendere forte il muscolo perché più il muscolo è forte e meno fibre sono coinvolte per sostenere un determinato carico nella posizione di allungamento, maggiori sono le fibre muscolari in grado di allungarsi.